L'Anci Sicilia in assemblea a Palermo. No a«spending review» sui comuni siciliani

Ultimi articoli
Newsletter

Caltanissetta | a palermo i sindaci provenienti da tutta la sicilia

L'Anci Sicilia in assemblea a Palermo
No a«spending review» sui comuni siciliani

A causa della crisi economica ed occupazionale le tensioni sociali si stanno acuendo sempre di più

di Giuseppe Maria Tinnirello

La sede dell'Anci Sicilia
La sede dell'Anci Sicilia

Si chiamano Tari e Tasi,  sono le tasse sui rifiuti e sui servizi indivisibili che stanno vessando i comuni siciliani. E quindi i contribuenti siciliani. Sono il risultato della Service tax, sostituita poi dalla Taser, a sua volta rimpiazzata dalla Trise, che ha dato come prodotto finito la Iuc, l’imposta unica comunale, che poi altro non è che la vecchia Ici ovverosia l’imposta comunale sugli immobili.   

Sono il retaggio di una tentata riforma del sistema dei tributi che a partire dal 2014 ha portato in dono agli italiani – e ai siciliani, che non hanno beneficiato della specialità dello statuto della regione Sicilia – una pressione fiscale divenuta ormai insostenibile.

Il logo della Regione Sicilia
Il logo della Regione Sicilia

Di questo hanno parlato i sindaci siciliani riuniti ieri nella Sala De Seta dei Cantieri culturali della Zisa di Palermo. L’incontro è stato promosso dall’Anci Sicilia e si è concluso con un documento nel quale si afferma che “lo Stato e la Regione, in questi ultimi anni di gravissima crisi della finanza pubblica, se da un lato non sono riusciti ad affrontare alla radice i problemi che caratterizzano le autonomie locali dall’altro hanno continuato a scaricare di fatto parte delle loro difficoltà sul sistema degli enti locali – si legge nel documento programmatico approvato dall’associazione dei comuni siciliani – riducendo i trasferimenti, imponendo costi relativi a servizi in precedenza non a carico dei comuni o determinando un significativo aumento delle aliquote dei tributi locali e del livello locale di pressione fiscale”. Il testo così approvato è stato inviato al presidente della Regione Rosario Crocetta.

Martedì 6 maggio 2014

© Riproduzione riservata

960 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: